Karl Lagerfeld, fotografo camaleontico

Non ci sono ancora commenti

autoritratto karl lagerfeld

A Karl Lagerfeld piace giocare al monarca assoluto ed eclettico. Negli ultimi 50 anni ha contribuito a fare la storia di marchi come Chloè, Fendi e Chanel, passando per operazioni più “pop” come le capsule collections per H&M e Macy’s, senza mancare di fondare una propria griffe di abiti e profumi, Lagerfeld, e la recentissima linea low cost, Karl.
Il motore è sempre lo stesso: la curiosità, una fame insaziabile di nuove scoperte. Di sé dice laconico: “Quello che mi piace di più nella vita è fare le cose che non ho mai fatto”. Da qui a firmare, fra le altre cose, costumi di scena per l’opera, le bottiglie di Coca Cola Light, uno spot Magnum e la linea editoriale delle pubblicazioni 7L, il passo è breve.
Negli ultimi anni, complice un calendario Pirelli, ha acquistato notorietà anche la sua produzione fotografica.

Non si tratta, tuttavia, di una passione recente, ma cresciuta a partire dalla fine degli anni ’80. Quasi a sancirla Photo, fragranza targata Lagerfeld del 1991. “La carta è il mio materiale preferito; è il punto di partenza per un disegno e il risultato finale di una foto”. Carta che forma anche i libri che foderano, letteralmente, le pareti del suo splendido studio parigino.

hasselblad karl lagerfeld

Porcellane Rosenthal: Lagerfeld ha scelto una fotocamera Hasselblad per lo shooting

 

profoto karl lagerfeld

I sistemi di illuminazione Profoto sul set di una campagna fashion scattata da Karl Lagerfeld

Karl Lagerfeld è un’icona vivente, un re indiscusso del mondo dell’immagine, compresa la propria. Senza dimenticare, per fortuna, una buona dose di leggerezza e ironia…

karl lagerfeld

Karl lagerfeld ritratto con il suo gatto Choupette e con l’orsacchiotto di Steiff

karl lagerfeld

Il Lagerfeld Mini Pony creato dall’artista Mari Kaurinen e la palla di vetro di Sephora

karl lagerfeld

Tanti pupazzi con le sembianze di Karl Lagerfeld per le vetrine natalizie di Printemps Paris

Vi consigliamo di rifarvi gli occhi con la visione del backstage del Calendario Pirelli 2011, qui sotto.

I libri di Karl Lagerfeld
The Little Black Jacket: Chanel’s classic revisited by Karl Lagerfeld and Carine Roitfeld, 2012; Parcours de Travail, 2010; Beauty of Violence, 2010; Serge, Misia, Coco et les autres…, 2009; Moderne Mythologie, 2009; Chanel’s Russian connection, 2009; Mademoiselle – Coco Chanel / Summer 62, 2008; You Can Leave Your Hat On, 2008; Metamorphosis of an American, 2008; Visions and a Decision, 2007; Konkret Abstrakt Gesehen, 2007; Palazzo, 2007; One Man Shown, 2006; Room Service, 2006; 7 Fantasmes of a Woman, 2005; Les Vases de Ciboure. L’Illusion de l’ideal, 2005; A Portrait of Dorian Gray, 2005; Factory Constructivism, 2004; The S.L.ED, 2003; Waterdance/Bodywave, 2002; Abstrakt, 2000; Escape from Circumstances, 2000; Pari Pris, 1998; Tadao Ando – Vitra House, 1998; The House in the Trees, 1998; La Brochure, 1998; Casa Malaparte, 1998; Ein deutsches Haus / Villa Jako, 1997; Schlosshotel Vier Jahreszeiten, 1996; Visionen, 1996; Achillion, 1996; Grunewald, 1995; Villa de Noialles, 1995; Faust, 1995

Karl Lagerfeld con Hasselblad

Spot Volksvagen: protagonista Karl Lagerfeld, nella sua veste di fotografo, con l’immancabile Hasselblad


Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 + 4 =