Med Photo Fest 2014: Dgtales sponsor tecnico

Non ci sono ancora commenti

workshop fotogiornalismo Leica

DgTales sponsor tecnico dell’edizione 2014 di Med Photo Fest

Il MED PHOTO FEST è un evento culturale, unico nel suo genere in Sicilia, dedicato all’arte fotografica, con specifico riferimento alla Fotografia d’Autore, che nel giro pochi anni si è imposto all’attenzione degli esperti del settore. DgTales Racconti Digitali, Leica Pro Dealer, è lieta di supportare la manifestazione – che si terrà dal 17 ottobre al 23 novembre a Catania, Siracusa e Noto – mettendo a disposizione la sua vasta gamma di attrezzatura fotografica professionale. In particolare, saremo a Noto al fianco di Roberto Strano che, dal 7 al 9 novembre, terrà un workshop di fotogiornalismo.

Non solo, per l’occasione verranno messe in palio due partecipazioni gratuite per un corso Leica Akademie (a scelta dei vincitori), in una qualsiasi delle città italiane interessate dall’iniziativa. Non fatevi scappare questa occasione!

 

Workshop fotografico condotto da Roberto Strano

Venerdì 7, dalle ore 15,00 alle 18,00; sabato 8, dalle ore 15,00 alle 17,00; domenica 9 novembre, dalle ore 10,00 alle 13,00.

Palazzo Nicolaci e centro storico di Noto

 

Il workshop è destinato ai fotoamatori, sia principianti che esperti, nonché ai professionisti che volessero approfondire la fotografia di reportage. Consentirà una full immersion nel mondo della fotografia di reportage con lo scopo di stimolare lo spirito di osservazione in modo da fare emergere le potenzialità individuali. La Dgtales sarà presenti infatti con brand come Leica, Profoto, Manfrotto, Eizo ecc., mettendo a disposizione dei partecipanti la tecnologia di cui dispone.

Gli obiettivi del workshop permetteranno di approfondire i seguenti argomenti:

– La professione del fotogiornalista di agenzia di stampa e del Free Lance.

– Analisi di un giornale, Reportage, News, Cronaca.

– Acquisizione di maggiore padronanza con il mezzo fotografico.

– Acquisire una metodologia di lavoro appropriata nei diversi ambiti del fotoreportage.

– Costruire un progetto: le fonti, organizzare i contatti, la gestione delle riprese.

– L’editing, la post-produzione, la redazione di testi e didascalie.

– Presentazione di un servizio per le redazioni dei giornali o per le agenzie fotogiornalistiche.

– Nuove tecnologie e comunicazione, la stampa, come sfruttare il web.

Durante il workshop verranno visionati alcuni servizi fotogiornalistici con eventuale dibattito. Ciascun partecipante, al quale verrà suggerito uno stile e un mezzo fotografico da utilizzare, sarà seguito singolarmente dal partecipante.

I partecipanti saranno portati sul campo a fotografare un avvenimento giornalistico o creare una storia. A conclusione del corso, ciascuno dei partecipanti sarà in grado di presentare un portfolio di immagini ad un’agenzia, ad una redazione o per un concorso. Viene richiesto di portare con se un proprio portfolio di immagini, su formato cartaceo o digitale, da dare in visione al docente. A fine corso sarà assegnato ai partecipanti un attestato di partecipazione.

 

Costo del workshop (quota di iscrizione e partecipazione, quale contributo per l’organizzazione): € 190,00. 

Per i soci dell’Associazione Culturale Onlus Mediterraneum il costo viene ridotto a € 150,00.

 

Info e prenotazioni: 

info@mediterraneum4.it   |   335 8411319

info@robertostrano.com   |   333 7211434

 

“Roberto Strano, con pacata semplicità e senza iperboli da reporter d’assalto, ci racconta di un mondo in cui il disagio sociale è una costante e dove il soggetto umano si inserisce, quasi in punta di piedi, in questo universo di povertà.

Roberto non regala nulla alle mode attuali di un’eccessiva estetizzazione del dolore, ma al contrario con molta delicatezza ci fa conoscere un mondo di sofferenza senza peraltro colpire con violenza i nostri sentimenti, ma al contrario le persone sembrano come lievemente appoggiate sul loro disagio, senza peraltro esternare dolore o sofferenza in maniera cruda.

Anzi tante volte costoro si offrono con un sorriso, quasi a esorcizzare la loro condizione umana. I toni del suo bianco e nero, secchi e senza indugiare in sofismi tecnici, penetrano profondamente nel nostro animo e ci regalano significative suggestioni interiori.

Molto misurato anche il ricorso al mosso, che non impedisce mai di riconoscere l’espressione del volto, regalandoci sempre un sorriso.

I reportage di Roberto rientrano sicuramente nella categoria del reportage sociale e denotano sempre una grande attenzione dell’autore per il rispetto e la profonda considerazione verso i suoi soggetti, con i quali intrattiene costantemente un dialogo profondo e ricco di affetto nei loro confronti.

Volendo entrare nel paragone con i grandi maestri, sicuramente il suo sentire la fotografia lo avvicina molto a Salgado, dal quale riprende la profonda umanità e, in parte, la tecnica di ripresa. Nel suo modo di fare reportage, si avverte anche una preparazione non comune, uno studio delle realtà in cui si cala e dalla quale attinge immagini dal vigore eccezionale, che sa trasmettere direttamente al nostro cuore, sempre in punta di piedi e senza mai ferirci.”

Pietro Colini

workshop di fotogiornalismo al Med Photo Fest 2014


Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 + 6 =