Photographer of the Week | Philippe Halsman | “Jumpology”

Non ci sono ancora commenti

Philippe Halsman, uno dei più grandi fotografi degli anni ’40 e’50, nato a Riga nel 1906, completò i suoi studi di Ingegneria Elettrica all’Università di Dresda, lo presentiamo sul nostro blog come primo Photographer of the Week. Noto per i suoi ritratti di Salvador Dalì , e per aver creato la tecnica del Jump, anche definita “jumpology”.

“Persino i miei amici non mi credono, ma sono una persona estremamente timida,” si descrisse così Philippe Halsman. “Sono consapevole del fatto che devo ritrarre delle semplici imagini, ma prendere in mano una macchina fotografica mi dà coraggio. La fotocamera è una cosa magica”.

Alfred Hitchcock, Marilyn Monroe, Winston Churchill, Pablo Picasso e John Fitzgerald Kennedy, questi solo alcun dei tanti soggetti noti che il fotografo Philippe Halsman ha ritratto e disegnato in maniera umana e autentica.

 

Nel suo libro, Halsman on the Creation of Photographic Ideas, (1961) descrisse le 6 regole da seguire per ottonere e creare ritratti fuori dall’ordinario.

1. l’approccio diretto: nella prima regola, Halsman spiegò come l’essere diretti e semplici risulta in una foto unica e autentica.

2. tecnica inusuale:  per creare qualcosa di inusuale e interessante da un soggetto ordinario e piatto, il fotografo spiegò come le tecniche fotografiche possono ribaltare completamente il risultato finale, sottolineando, l’uso inusuale delle luci, le angolature, e le composizioni della scena.

3. caratteristica inusuale: la regola della caratteristica inusuale è un impegno da parte del fotografo per catturare l’attenzione di chi guarda tramite l’introduzione di una caratteristica o prop inaspettata nella scena dell’imagine. Qui sotto un ritratto di Marilyn Monroe con una caratteristica inusuale introdotto nella scena fotografica.

4. la caratteristica mancante: la quarta regola di Halsman stimola chi guarda ad andare contro la proprio aspettativa. Lasciandolo un attimo perplesso.

5. le caratteristiche composte: la quinta regola incintata dal fotografo, suggerisce di creare una combinazione delle regole per aggiungere originalità e autenticità ai propri scatti.

6. metodo ideografico: infine Philippe Halsman, definisce la sesta regola come metodo ideografico, che risulta nell’illustrazione di un  messaggio nella fotografia descrivendo il soggetto nel modo più chiaro possibile.

Risultati immagini per example of ideographic method by philippe halsman

 

 

Philippe Halsman “Jumpology”

Durante l’inzio degli anni ’50, Philippe Halsman, chiese a tutti i personaggi famosi che fotografava di saltare. La sua motivazione? Una semplice curiosità nel conoscere il vero personaggio.  Racconta “..dopotutto, la vita ci ha insegnato a controllare e camuffare le nostre espressioni facciali, ma non ci ha insegnato a controllare i nostri salti. Volevo vedere le persone famose rivelare in un balzo la loro ambizione o la loro mancanza, la loro importanza personale o la loro insicurezza e molti altri tratti”. Qui sotto troverete alcuni ritratti dei “Jumps” di Philippe Halsman, per visualizzarle tutte potete accedere direttamente al link qui.

Brigitte Bardot

 

Audrey Hepburn

 

Dali

 

Mrs. Cristina Ford o anche nota come Mrs. Henry Ford II

Grace Kelly

 

Julius Robert Oppenheimer

 


Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 + 3 =