Siamo finalmente arrivati al primo giorno di primavera, martedì 20 Marzo. Quindi per celebrare questa nuova stagione, vi raccontiamo la storia di Simone Sbaraglia,  x-photographer della Fujifilm, che è andato in Olanda per catturare la bellezza dei campi di tulipani fioriti.


MILLE COLORI, UN’INFINITÀ DI LINEE IN UNA PAROLA: ARMONIA.

di Francesca Bongarzoni (Fujifilm, Italia)

Con la primavera alle porte in Olanda la natura si prepara a dipingere i paesaggi di nuovi colori.
La fioritura, in particolare quella dei tulipani, fiore simbolo della nazione, viene vissuta come un evento legato a feste e manifestazioni, ma la vera festa è l’annuale riapertura del Keukenhof, uno dei parchi botanici più celebri del mondo che, in questa stagione, dà il meglio di sé, tra i colori e i profumi di oltre sette milioni di fiori da bulbo.

Importati dalla Turchia alla fine del XVI secolo, i tulipani (il cui nome deriva da tullband, cioè turbante) si diffusero ben presto come merce di lusso e l’Olanda divenne il maggiore produttore in Europa.
I Tulipani sono originari delle aree montane dal clima temperato e prosperano in aree con lunghe e fresche primavere e secche estati. Si piantato in tarda estate o all’inizio dell’autunno.

L’interesse di Simone Sbaraglia per questo fiore nasce dall’idea di realizzare delle foto che ritraessero la perfezione geometrica dei filari dei tulipani piantati uno vicino all’altro, catturandone l’essenza del tulipano e cercando di astrarne il piú possibile la forma.
La ricerca dell’arte nella natura e l’astrazione sono una parte molto importante dello stile di Simone, che negli anni ha trasformato il suo lavoro nella rappresentazione delle sue emozioni piuttosto che in quella della realtà.

Alcuni giornali internazionali, infatti, hanno commentato così il lavoro di Sbaraglia:

“I bellissimi scatti aerei, della fioritura dei tulipani catturati vicino Amsterdam in Olanda, dal fotografo naturalista Simone Sbaraglia, ricordano i lavori astratti di pittori come Mark Rothko e Barnett Newman a altri artisti associati con il movimento nato tra la fine degli anni ‘50 e l’inizio degli anni ’60, conosciuto proprio con il nome di “Color Field”.

E ancora:

“Semplicemente intitolate Tulip Fields, la serie mostra l’esperienza di Sbaraglia come fotografo naturalista nell’esaminare le proprietà geometriche delle piante, e il valore artistico dei paesaggisti che hanno seminato la moltitudine dei tulipani”.

Questo accostamento tra arte e fotografia non è mai stato tanto vero. In un mondo invaso dalle immagini dove la maggior parte delle persone crede che scattare una fotografia sia un gesto di estrema facilità, è quanto mai importante avere la consapevolezza che tornare a casa con un buono scatto è un evento molto raro, anche per il miglior fotografo.

Il momento magico non esiste; studio approfondito del soggetto, conoscenza profonda della tecnica, osservazione, creatività e anche un pizzico di fortuna, sono i presupposti alla base di un buon lavoro fotografico, come di un buon lavoro artistico.

Il mondo naturale è permeato di bellezza e poesia, e il compito del fotografo naturalista è quello di riportare questa bellezza e questa poesia nelle sue fotografie, affinché tutti possano vederle.
Entrare con l’obiettivo all’interno dei fiori per ritrarne l’essenza interiore, sdraiarsi nei campi per guardare il cielo con gli occhi di un tulipano, noleggiare un piccolo aereo per sorvolare i campi in fiore, ritraendoli in modo artistico e astratto, è stato il percorso di ricerca che ha portato il lavoro di Sbaraglia sui tulipani verso un’estremizzazione del punto di vista che raramente è stato fatto in foto di natura.

La vista dall’alto ha offerto ai suoi occhi strisce di colore che ha abilmente rappresentato, vedendole più come dei colpi di pennello su una tela che come filari di tulipani da fotografare. Quella perfezione geometrica non poteva che prendere la forma dell’astrazione che regala all’osservatore un’interpretazione artistica della natura, comunicando bellezza ed armonia. Il risultato è proprio quello di un quadro astratto. Ci vuole un po’ per realizzare che sono fiori, ma quando si scopre che quelle strisce, quei puntini colorati sono proprio quei tulipani di quell’aprile olandese, non si può evitare di capire che c’è una bellezza interiore in tutto questo.

Questa storia è stata raccontata da Di Francesca Bongarzoni di Fujifilm Italia  17/05/2017 NewsX-Stories

per leggere la storia ufficiale potete accedere qui,

 



La FUJIFILM GFX-50S garantisce la migliore qualità d’immagine al mondo. Combina la risoluzione straordinaria di 51,4 megapixel con tonalità eccezionali, riproduzione avanzata del colore e obiettivi ad alte prestazioni. Questo livello di qualità dell’immagine è motivazione pura. Il mondo che ci circonda cambia nel momento in cui prendiamo in mano questa fotocamera. Apprezzerete tutto quello che si può fare con il nuovo sistema di fotocamera mirrorless formato medio, GFX.

Qui sotto troverete 7 buoni per scegliere la GFX-50s

1. Sensore Medio formato digitale

La Fujifilm GFX 50S è equipaggiata con un sensore medio formato CMOS da 51,4Mpx di dimensioni 43,8mmx32,9mm, ossia con una superficie di 1,7x rispetto ad un sensore Full Frame e di ben 3,9x rispetto al formato APS-C della serie X della Fujifilm. Dimensioni più grande del sensore permette di ottenere profondità di campo più ristrette e migliore nitidezza e qualità di immagine a parità di risoluzione.

Qui in basso è possibile vedere la differenza (a parità d’ingrandimento) tra la GFX-50S e la Canon EOS 5DS,

(sinistra) GFX-50S vs Canon EOS 5DS (destra)

2. Fino a 425 punti di messa a fuoco

La Fujifilm GFX-50s riesce ad unire in un unico corpo macchina i vantaggi di una medio formato digitale con alcune caratteristiche a cui molti fotografi sono abituati nei loro corpi di piccolo formato. Normalmente, i corpi a medio formato hanno la possibilità di avere solo il punto di messa a fuoco centrale. La Fujifilm GFX-50s ha la possibilità di scegliere tra una griglia di 13×9 (117) punti di messa a fuoco o una più selettiva di 25×17 (425) punti. Inoltre con una delle due ghiere di regolazione è possibile anche settare la grandezza dell’area di messa a fuoco, oltra alla posizione.

Questa modalità risulterà particolarmente comoda in diverse applicazioni fotografiche. Oltre alla modalità AF a punto singolo esistono (per i fotografi più esigenti) altre 5 modalità.

AF-S + Single Point Per riprendere soggetti utilizzando uno specifico punto AF
AF-S + ZonePer riprendere soggetti in una vasta area AF (3×3, 5×5, 7×7)
AF-S + WidePer riprendere soggetto in tutta l’inquadratura
AF-C + Single PointPer la messa a fuoco “spot-focusing” continua
AF-C + ZonePer il controllo di un soggetto all’interno di una zona selezionata
AF-C + TrackingPer il controllo continuo di un soggetto in tutta l’inquadratura

 

3. Corpo macchina resistente

Il corpo macchina della Fujifilm GFX-50s è resistente alla polvere, acqua ed a basse temperature fino a -10c. Questa caratteristica è valida anche per le ottiche Fujinon GF. La Fujifilm GFX-50s risulta quindi la scelta perfetta per chi si trova a scattare in situazioni proibitive ma non vuole rinunciare ai vantaggi del medio formato. Per dimostrarvi la resistenza del corpo macchina a temperature minime, X-photographer Simone Raso ha raggiunto il Circolo Polare Artico con la GFX-50s (leggi tutto l’articolo qui)

 

 

 

4. Accessori che migliorano l’esperienza d’uso

Il corpo macchina della Fujifilm GFX-50s è dotato di un piccolo monitor da 1,28″ in bianco e nero vicino all’impugnatura che permette di avere sott’occhio un buon numero di informazioni (settaggi di scatto, file rimanenti, stato batteria e altro) in qualsiasi condizione di luce (anche in pieno sole). Tra gli accessori disponibili, di rilievo segnaliamo il “Vertical Battery Grip” che permette di aumentare il peso, migliorare la presa in lunghe sessioni di scatti in verticale e garantisce un’autonomia maggiore a tutto il sistema. Inoltre, grazie al mirino aggiuntivo inclinabile è anche possibile aumentare le possibilità di osservazione.

 

5. Compatibilità con Ottiche Hasselblad

L’anello adattatore Fujifilm “H Mount Adapter G”  permette a molti fotografi di studio e still life di effettuare una migrazione da un vecchio corpo macchina Hasselblad ad una nuova Fujifilm GFX-50s preservando la bontà del proprio corredo di ottiche.

 

 

 

 

 

 

6. Compatibilità con Profoto

Grazie all’introduzione del nuovo Air-Remote TTL-F è ora possibile sfruttare tutte le potenzialità del controllo dell’esposizione automatica tramite TTL anche in un corpo digitale a medio formato. Inoltre, grazie a questo trasmettitore è anche possibile sincronizzare qualunque a tempi ultrarapidi tramite HSS, tutte le sorgenti di nuova generazione di Profoto, come il Profoto A1, i Profoto B1/B2 o B1X, il Profoto D2 Air-TTL oB1x od il Profoto Pro-10 Air-TTL

 

Risultati immagini per ttl fRisultati immagini per profoto a1

 

7. Accessibile per tutti

Fino al 30 Aprile 2018, chi acquista una Fujifilm GFX 50s presso DgTales, in qualità di GFX Authorised Specialist, permutando un prodotto full frame o medio formato tra quelli ritenuti idonei per la promozione, avrà diritto ad uno sconto di 500€. Questa offerta è inoltre valida in abbinamento con la Promozione GFX Instant Rebate (clicca qui per maggiori informazioni) con la quale è possibile avere una Fujifilm GFX 50s con un’ottica tra quelle selezionate con 1300€ di sconto.

Sommando le due offerte è quindi possibile prendere una nuova Fujifilm GFX-50s con 1800€ di sconto in fase di acquisto.


FUJIFILM X-H1

La fotocamera più performante della gamma Serie X

L’unione di un corpo robusto e durevole con una qualità d’immagine superiore e semplicità d’uso. FUJIFILM X-H1 è la prima fotocamera della Serie X a includere il sistema di stabilizzazione dell’immagine (IBIS) a 5 assi fino a 5,5 stop*1 e la nuova simulazione pellicola “Eterna” per straordinarie riproduzioni video. 

FUJIFILM X-H1 è la fotocamera dalle prestazioni più elevate nella gamma di fotocamere mirrorless della Serie X, nota per la sua superiore qualità di immagine creata utilizzando la tecnologia proprietaria di riproduzione dei colori di FUJIFILM. Con un corpo robusto e resistente di nuova concezione, quest’ultimo modello incorpora una gamma di funzioni estremamente utili che supportano le riprese in differenti situazioni richieste da fotografi professionisti e videomaker.

X-H1 è la prima fotocamera della Serie X che include l’ultimo sistema di stabilizzazione dell’immagine in-body a 5 assi (IBIS) fino a 5,5 stop*1 e una modalità di riduzione dello sfarfallio che migliora la qualità della fotografia sportiva indoor.

X-H1 consente l’uso della stabilizzazione dell’immagine a 5 assi fino ad un massimo di 5 stop con la corrente gamma di obiettivi FUJINON XF, a eccezione di alcune ottiche*2. Inoltre, la fotocamera sarà compatibile con altre ottiche disponibili sul mercato entro il 2018, ovvero gli obiettivi cinematografici professionali MKX18-55mmT2.9 e MKX50-135mmT2.9, dotati di attacco X Mount (commercializzazione prevista da giugno 2018), l’ottica XF200mmF2 R LM OIS WR, un luminoso teleobiettivo a focale fissa, e XF8-16mmF2.8 R WR, progettato per soddisfare esigenze di riprese panoramiche e paesaggistiche (entro fine anno 2018). Queste novità offriranno eccezionali risultati in termini di qualità d’immagine e si confermeranno ideali per la fotografia sportiva.

Per la notizia stampa del sito ufficiale Fujifilm Italia potete accedere direttamente qui

Caratteristiche Tecniche

Stabilizzazione dell’immagine in-body (IBIS) fino a 5,5 stop*1

Il primo sistema di stabilizzazione integrato (IBIS) all’interno di una fotocamera della Serie X, utilizza tre accelerometri assiali, tre sensori giroscopici assiali e un doppio processore appositamente sviluppato. Unendo tutto questo, la fotocamera raggiunge l’elevata velocità di circa 10.000 calcoli al secondo che, insieme ai meccanismi di compensazione, garantisce una qualità dell’immagine e una precisione senza compromessi, con le prestazioni descritte di seguito.

Tali innovazioni tecniche sono state sviluppate per supportare prestazioni di alta precisione:

  • Un dispositivo di misurazione laser viene utilizzato durante il processo di produzione dell’unità di stabilizzazione dell’immagine, controllando la planarità e la posizione dei componenti con una precisione doppia rispetto ai componenti standard.
  • Il processo di assemblaggio comprende anche l’ispezione e la regolazione di ogni singola fotocamera per garantire che, anche quando viene utilizzata la stabilizzazione dell’immagine, la posizione parallela del sensore sia ottenuta con una precisione nell’ordine dei micron, come nei modelli precedenti.
  • È stato inoltre incluso un nuovo meccanismo a molla per ridurre le micro vibrazioni causate dal funzionamento dell’otturatore meccanico.
  • Il fotografo può anche scegliere di utilizzare l’otturatore elettronico sulla prima tendina o l’otturatore elettronico, eliminando virtualmente l’effetto delle vibrazioni per massimizzare i benefici della stabilizzazione d’immagine.

X-H1 è dotata di sensore APS-C X-Trans™ CMOS III*3 (24,30 milioni di pixel, senza filtro passa-basso) e di motore di elaborazione delle immagini ad alta velocità X-Processor Pro. Questa tecnologia proprietaria FUJIFILM è stata implementata per la prima volta nelle fotocamere X-Pro2 e X-T2, ricevendo numerosi riconoscimenti a livello globale. La commistione di obiettivi FUJINON di altissima qualità e l’esclusiva tecnologia di riproduzione del colore sviluppata da FUJIFILM in oltre 8 decenni, rende X-H1 capace di restituire immagini di eccezionale qualità, riproducendo i minimi dettagli del soggetto, esaltandone la texture, la struttura tridimensionale e valorizzando l’atmosfera della scena.

 

Corpo estremamente robusto, mirino ad alte prestazioni e operabilità migliorata.

Oltre a garantire la resistenza a polvere e acqua e la possibilità di operare con temperature fino a -10°C, la fotocamera utilizza una lega di magnesio del 25% più robusta rispetto a X-T2. FUJIFILM ha anche modificato la struttura dove è montata la flangia di innesto obiettivo, ottenendo un corpo compatto e leggero che mantiene un’elevata precisione, una forte resistenza a urti, torsioni e altre possibili deformazioni.

L’aumento delle dimensioni delle particelle sulla superficie esterna della fotocamera fornisce un rivestimento antigraffio di elevata qualità con una durezza superficiale equivalente a 8H.

Il mirino elettronico consente un elevato ingrandimento e un’estrema precisione. Il rapporto di ingrandimento di 0,75x e la risoluzione pari a 3,69 milioni di pixel lo rende leader tra le fotocamere mirrorless. Il display del mirino è straordinariamente fluido, con un ritardo di visualizzazione di soli 0,005 secondi e una frequenza di aggiornamento di 100 fotogrammi al secondo, offrendo al fotografo l’immediata conferma del movimento del soggetto e la posizione della messa a fuoco con grande precisione.

Il monitor posteriore è un LCD “touchscreen” elettrostatico da 3 pollici, inclinabile in 3 direzioni, da 1,04 milioni di pixel, che può essere intuitivamente impostato sull’angolazione desiderata. Inoltre, il “sub-LCD” da 1,28 pollici posto sulla parte superiore della fotocamera, una caratteristica propria della medio formato FUJIFILM GFX 50S, consente l’immediata visione delle informazioni di ripresa.

 

FUJIFILM X-H1 riporta un notevole miglioramento dell’operabilità, con un totale di 19 modifiche, basate sui feedback dei fotografi professionisti:

  • La fotocamera ha un design accurato per una sensazione stabile quando si impugna e per un facile azionamento del pulsante di scatto che garantisce l’azione immediata. Si presenta infatti con un’ampia impugnatura di nuova forma e impiega, per il pulsante di scatto, un interruttore con molla a balestra.
  • X-H1 ha il suono dell’otturatore più silenzioso rispetto a tutte le fotocamere della Serie X, rendendola uno strumento ideale per gli ambienti in cui è richiesta discrezione.
  • Un nuovo pulsante AF-ON è stato aggiunto sul retro della fotocamera. Ciò semplifica il funzionamento della messa a fuoco automatica con il pollice, consentendo al fotografo di utilizzare solo un dito per azionare il pulsante di scatto. Sono state apportate altre modifiche per migliorare l’operatività, compresa la maggiore dimensione dei pulsanti sul retro della fotocamera e miglioramenti sulla presa delle ghiere di comando anteriori e posteriori.
  • X-H1 dispone anche di una leva di messa a fuoco che facilita il movimento rapido e preciso fino al punto di messa a fuoco desiderato.

 

Ampia gamma di funzionalità video per supportare le produzioni cinematografiche

X-H1 è la prima fotocamera della Serie X a includere “ETERNA”, una nuova simulazione pellicola, ideale per le riprese video. Questa modalità simula la pellicola cinematografica, creando colori sobri e tonalità delle ombre intense, migliorando notevolmente la libertà creativa durante la post-produzione. La qualità dell’immagine video della fotocamera è stata migliorata grazie alla nuova capacità di registrare con un elevato bitrate pari a 200 Mbps. La fotocamera vanta un totale di 20 miglioramenti funzionali e prestazionali tra cui la modalità video 1080/120P ad alta velocità (per ottenere slow motion di 1/2, 1/4 e 1/5) per registrare filmati spettacolari, la registrazione F-log*4 su scheda SD facilitando così il flusso di lavoro, una modalità di scatto DCI 4K (4096×2160), un’impostazione della gamma dinamica di 400% (circa 12 stop), un elevato bitrate di registrazione da 200 Mbps, un microfono interno di qualità elevata (24 bit/48 kHz) e il time code.

 

Modalità di riduzione dello sfarfallio e algoritmi AF aggiornati

La modalità di riduzione dello sfarfallio è fondamentale per la fotografia sportiva indoor e X-H1 raggiunge l’obiettivo grazie al sistema mirrorless, consentendo un’esposizione stabile durante le riprese a raffica anche in presenza di illuminazione a fluorescenza e mercurio.

L’aggiornamento dell’algoritmo dell’AF migliora le seguenti prestazioni:

  • Il limite minimo di luce per l’autofocus con rilevamento di fase è stato migliorato di circa 1,5 stop da 0,5 EV a -1,0 EV, aumentando la precisione e la velocità dell’autofocus in ambienti con luce scarsa.
  • La minima apertura utilizzabile per il rilevamento di fase è stata portata da F8 a F11; anche quando si utilizza XF100-400mmF4.5-5.6 R LM OIS WR con il teleconverter XF2X TC WR, è ora possibile utilizzare la messa a fuoco automatica con rilevamento di fase.
  • Sono stati apportati importanti miglioramenti alle prestazioni dell’AF-C durante il funzionamento dello zoom, il che offre notevoli vantaggi durante le riprese sportive e nelle situazioni in cui i soggetti si muovono in modo imprevedibile.
  • I soggetti di difficile messa a fuoco automatica a rilevamento di fase, come le trame di superfici finemente dettagliate, per esempio piumaggio di uccelli e manto di animali selvatici, ora possono essere catturati ad alta velocità e con elevata precisione.

 

*1 5,5 stop raggiungibili con l’obiettivo XF 35mmF1.4

La stabilizzazione dell’immagine a 5 assi è possibile con tutti gli obiettivi XF e XC.

* È possibile raggiungere un massimo di 5,5 stop di stabilizzazione immagine, quando la fotocamera viene utilizzata con tutti gli obiettivi XF che non includono la tecnologia di stabilizzazione ottica dell’immagine.

*2 XF10-24mmF4 R OIS, XF18-55mmF2.8-4 R LM OIS, XF55-200mmF3.5-4.8 R LM OIS

*3 X-Trans è un marchio di fabbrica e marchio registrato di FUJIFILM. Il sensore X-Trans CMOS III utilizza un esclusivo filtro a matrice aperiodica per ridurre l’effetto moiré e falsi colori senza l’impiego di un filtro ottico passa-basso.

*4 Lo spazio colore è definito secondo ITU-R BT.2020.


FUJIFILM X-A3 e X-A10

 FUJIFILM rilascerà aggiornamenti firmware gratuiti dedicati alle fotocamere digitali mirrorless FUJIFILM X-A3 e FUJIFILM X-A10. Questi aggiornamenti saranno disponibili all’inizio del mese di marzo 2018 e aggiungeranno alle fotocamere X-A3 e X-A10 nuove funzionalità e la compatibilità con i prodotti di recente lancio

Questo aggiornamento del firmware fornirà la compatibilità con le esclusive funzionalità della nuova ottica “FUJINON XC15-45mmF3.5-5.6 OSI PZ” e la compatibilità con la stampante “Instax SHARE SP-3”.

FUJIFILM è sempre orientata all’aggiornamento dei firmware delle proprie fotocamere e ottiche per migliorare costantemente l’esperienza d’uso dei suoi utenti e accrescere la loro passione per la fotografia.

Versioni Firmware:

FUJIFILM X-A3 (Ver. 2.20)

FUJIFILM X-A10 (Ver. 2.20)

  1. Compatibilità con il nuovo obiettivo FUJINON XC15-45mmF3.5-5.6 OIS PZ

L’aggiornamento aggiungerà la compatibilità con il nuovo obiettivo FUJINON XC15-45mmF3.5-5.6 OIS PZ:

  • Funzione zoom mediante la ghiera di comando posteriore quando il display LCD è ruotato di 180 gradi.
  • La funzione della ghiera anteriore cambia automaticamente tra “zoom manuale” e “ghiera di messa a fuoco” a seconda della modalità di messa a fuoco impostata.
  • Memorizza la posizione dello zoom dell’obiettivo quando si spegne e torna alla medesima posizione all’accensione della fotocamera.
  • Consente di mantenere la posizione dello zoom dell’obiettivo in modalità di riproduzione per ridurre il tempo di avvio per lo scatto successivo.

 

  1. Compatibile con la stampante instax SHARE SP-3

L’aggiornamento aggiunge compatibilità con la stampante instax SHARE SP-3 oltre a quella già presente per SP-1 e SP-2.

 

 

 

 


FUJIFILM Corporation  rilascerà un aggiornamento firmware gratuito per la fotocamera digitale mirrorless medio formato FUJIFILM GFX 50S. Questo aggiornamento, disponibile a marzo 2018, aggiunge nuove funzioni, rispondendo alle richieste degli utenti professionali di GFX.

Questo aggiornamento firmware aggiungerà le nuove funzioni di “Focus Bracketing” e “Modalità Formato 35mm”. Sarà inoltre disponibile un aggiornamento per “H MOUNT ADAPTER G” che aumenterà la compatibilità degli accessori.

Versione firmware:

FUJIFILM GFX 50S: Ver.3.00

  1. Aggiunta del “Focus Bracketing”

L’aggiornamento consente lo scatto con bracketing della distanza di messa a fuoco fino a 999 fotogrammi. Quando si inizia a riprendere, dopo ogni attivazione dell’otturatore, la posizione del piano di messa a fuoco vene spostata di uno step, impostabile da 1 a 10.

  1. Aggiunta della “Modalità Formato 35mm”

L’aggiornamento consente di riprendere immagini in formato JPEG e RAW con la parte centrale del sensore, di dimensioni 36mm x 24mm (30,5M). In questo modo, quando si utilizzano adattatori per obiettivi di formato 35mm, è facile regolare la dimensione dell’immagine più adatta al cerchio di copertura delle ottiche full frame. È anche possibile assegnare questa funzione al pulsante Fn per un’impostazione rapida.

  1. Nuovo firmware ”H MOUNT ADAPTER G”

Un nuovo aggiornamento del firmware sarà disponibile anche per “H MOUNT ADAPTER G”, per espandere la compatibilità degli accessori.

 

Per leggere tutta la news sul blog della Fujifilm potete direttamente accedere qui


FUJIFILM X-T20

In arrivo un nuovo aggiornamento software

FUJIFILM Corporation rilascerà aggiornamenti firmware gratuiti per la fotocamera digitale mirrorless FUJIFILM X-T20. Questi aggiornamenti saranno disponibili all’inizio del mese di aprile 2018 e risponderanno alle richieste ricevute dagli utenti per migliorare l’impiego e aggiungere nuove funzioni alla Serie X di FUJIFILM.

Questo aggiornamento firmware includerà il supporto al nuovo software “FUJIFILM X RAW STUDIO” per lo sviluppo di file RAW tramite il processore X-Processor Pro, collegando la fotocamera al computer per mezzo di un cavo USB. Il nuovo firmware migliorerà anche l’algoritmo di tracking AF di soggetti in movimento e permetterà l’impiego di controller flash da studio di terze parti. Sono previste anche nuove funzioni per migliorare l’operatività.

Versione firmware

FUJIFILM X-T20 (Ver.2.00)

1. Nuovo algoritmo di tracking AF per soggetti in movimento

Grazie al nuovo algoritmo di riconoscimento dell’immagine di recente sviluppo, l’aggiornamento, rispetto al firmware precedente, migliora l’AF-C per tracciare soggetti in movimento fino a due volte più veloci. L’aggiornamento migliora anche il rilevamento di soggetti in movimento fino al 50% più piccoli, rispetto alla versione precedente.

2. Migliore operatività touch screen

L’aggiornamento firmware aggiungerà le seguenti funzioni “touch screen”, già introdotte in precedenza su FUJIFILM X-E3:

  • L’area AF può essere spostata quando è attivo il focus zoom
  • Pinch-in/out (pizzicare o allontanare le dita) in modalità riproduzione consente di passare dalla modalità a pieno schermo alla riproduzione multi-frame (nove oppure cento miniature)
  • Selezione del fotogramma in modalità visualizzazione multi-frame con tocco o trascinamento oppure ritorno alla riproduzione a pieno schermo con doppio tocco
  • Selezione delle funzioni nel menu Q (Quick)
  • Inserimento caratteri con tastiera touch*1

    *1 Eccetto alcune funzioni

3. Supporto al software “FUJIFILM X RAW STUDIO”

Una volta collegata la fotocamera al computer tramite cavo USB, “FUJIFILM X RAW STUDIO” consente di convertire i file RAW sfruttando il processore X Processor Pro. Sarà anche disponibile una comoda funzione per la rapida elaborazione batch. Il software “FUJIFILM X RAW STUDIO” può essere scaricato gratuitamente dal sito web FUJIFILM.

4. Funzioni del nuovo obiettivo FUJINON XC15-45mmF3.5-5.6 OIS PZ

L’aggiornamento consente di utilizzare il nuovo obiettivo FUJINON XC15-45mmF3.5-5.6 OIS PZ:

  • La ghiera MF (messa fuoco manuale) può essere utilizzata come ghiera per lo zoom
  • Mantenimento della posizione dello zoom durante la ripresa intervallata
  • Mantenimento della posizione dello zoom in modalità riproduzione per ridurre il tempo di avvio della fotocamera per lo scatto successivo

5. Utilizzo migliorato per l’impiego di radio controller flash

L’aggiornamento consente di scattare con flash da studio, compatibili di terze parti, in modalità High Speed Sync o in modalità TTL per mezzo dei relativi radiocomandi dedicati.

6. Visualizzazione dell’istogramma RGB e avviso alte luci

Premendo il tasto funzione Fn assegnato all’istogramma, sono visualizzati l’istogramma RGB e l’avviso a intermittenza per le alte luci (la parte ad alta luminosità lampeggia).

7. Personalizzazione e ingrandimento di indicatori e informazioni

L’aggiornamento consente di ingrandire indicazioni e informazioni nel mirino e/o sullo schermo LCD. Questo aggiornamento consentirà anche di personalizzare la loro posizione.

 

Per  leggere tutta la news sul blog ufficiale della Fujifilm potete accedere direttamente qui


X photographer Simone Raso, ci porta sul circolo Polare artico con la mirrorless medioformato GFX-50s. Più precisamente siamo a 66° 33′ 39″ di latitudine Nord e 350km a nord del circolo Polare Artico. Qui sotto trovete la X-story di Simone Raso, per leggere tutto il post potete accedere direttamente sul blog ufficiale della Fujifilm qui.

Simone Raso X Photographer Fujifilm racconta, “Benvenuti a Tromso o meglio a Tromsoya (isola di Tromso) la città con più di 50mila abitanti più a Nord del mondo, terra di vichinghi e porta naturale di accesso al Polo Nord. Luogo di partenze di tantissime spedizione artiche,  tra cui quella che il celebre esploratore Roald Amundsen intraprese nel tentativo di salvare il suo amico Umberto Nobile, rimasto intrappolato tra i ghiacci dell’Artico dopo lo schianto del dirigibile Italia, e dove vi trovò la morte.

Sono qui con lo scopro di  preparare la mia Xperience, alla scoperta di luoghi per poter offrire la miglior esperienza possibile a tutti coloro che vorranno viaggiare con me, un sogno di chiunque voglia esplorare queste zone così remote e portare a casa degli scatti unici.

http://blog.fujifilm.it/wordpress/wp-content/uploads/2018/02/norway_day2_0019.jpg

Siamo in piena notte artica, le ore di chiaro, o meglio di crepuscolo a mia disposizione sono pochissime, una fioca quanto magica luce infatti mi accompagna dalle 9 circa del mattino, alle 12:30… per il resto buio. Il sole tornerà a farsi vedere il 19 di gennaio ed il suo ritorno sarà festeggiato il 21 Gennaio: il “giorno del sole”.

Durante queste poche ore devo concentrare i miei scatti, la notte sarà invece la mia perfetta alleata quando andrò a caccia delle Northern Light, le famose aurore boreali.

Il primo dei miei tre giorni di “site inspection” prevede l’uscita a bordo della Artic Princess un catamarano di 45 piedi dotato di ogni confort. Per il secondo giorno ho deciso di noleggiare un’auto per muovermi liberamente tra i Fiordi, mentre per il mio  terzo ed ultimo giorno mi aspetta lo spettacolo delle Northern Light.

Nonostante la latitudine così estrema, la presenza del mar di Norvegia mitiga moltissimo il clima. In questo periodo ci si limita a qualche grado sotto lo zero, anche se la temperatura percepita è molto inferiore a causa del vento e della tanta umidità.

http://blog.fujifilm.it/wordpress/wp-content/uploads/2018/02/norway_day1_0118.jpg

Per questi giorni di viaggio ho la fortuna di avere con me la GFX 50S che si dimostrerà compagna preziosissima grazie alla tantissima qualità e ricchezza di dettaglio e di informazioni del suo file.

Il mio scopo è uno ed uno solo… cercare scorci unici da immortalare e da salvare sulla mia mappa.

Mentre scatto, già mi immagino al computer impaziente nel fare post produzione visualizzando il risultato finale stampato. Pur non facendo parte del mio corredo abituale, ho già avuto più di un’occasione per lavorare con GFX 50S, conosco bene le sue qualità e so già quanto lontano mi potrò spingere. Ogni scatto è un misto di concentrazione sul presente e di proiezione al futuro.

La poca luce crea un effetto inverosimile. Sembra di vivere in un mondo in bianco e nero. Scatto ovviamente in RAW conscio di non avere nemmeno la necessità di effettuare del braketing potendo sfruttare diversi sviluppi dello stesso file. Le condizioni non sono estreme, ma sono comunque rigide, e anche solo sapere di non dover fare più scatti nella stessa  situazione mi permette di lavorare al meglio. Il monitor basculante e le funzionalità touch completano l’opera.

Una routine meravigliosa: guardarsi intorno, trovare un buono spot, cavalletto, scelta dell’inquadratura, esposizione, click. Intorno a me silenzio e una sensazione di pacifica solitudine. Non esiste null’altro se non il qui e ora, dedicato alla realizzazione dei miei scatti.

http://blog.fujifilm.it/wordpress/wp-content/uploads/2018/02/norway_day2_0064.jpg

Dai gelidi paesaggi,  alle Northern Light, la mia GFX 50S  in accoppiata al GF23mm e allo zoom GF32-64mm sforna una media di 20gb di file al giorno. Condivido con voi alcuni scatti… aspettando il prossimo viaggio in queste terre meravigliose!”

Per legger tutto l’articolo pubblicato sul sito ufficiale della Fujifilm

Per scoprire tutto sulla GFX-50s disponibile su DgTales.com potete accedere al link qui