Arrivano le vacanze estive e con queste anche tre nuove introduzioni nell’usato firmato dgtales.com, tra cui la fotocamera Hasselblad H4D-31, l’obiettivo Hasselblad HCD 28mm F4, e la testa flash studio Profoto D1 1000 Air. Qui sotto troverete tutti i dettagli dell’usato Profoto e Hasselblad firmato DgTales.com.


Per molti appassionati, la H4D-31 rappresenta spesso il primo passo nel mondo della fotografia digitale Hasselblad di livello professionale. Benché economico sotto il profilo dei costi, questo modello non lo è affatto dal punto di vista delle prestazioni. La H4D-31 dispone di tutte le principali funzioni che caratterizzano tutti gli altri modelli del Sistema H. In breve, ciò significa la funzione True Focus con APL (Absolute Position Lock), che perfeziona il sistema di messa a fuoco automatica per una composizione accurata a distanza ravvicinata con profondità di campo ridotta, nonché la sicurezza della tecnologia UltraFocus.


L’obiettivo HCD da 28 mm è stato ideato per essere compatto e per assicurare prestazioni ottimali quando utilizzato con il sensore 48 x 36 mm delle fotocamere digitali del sistema H. La qualità d’immagine è rifinita con l’uso integrale della funzione Digital Lens Correction che perfeziona l’immagine non elaborata rimuovendo digitalmente eventuali aberrazioni, vignettature e distorsioni. Le immagini non elaborate così ottenute hanno una perfetta definizione dei pixel che risulta essere ottimale per la resa delle immagini.


 

Il Profoto D1 raggiunge una potenza regolabile di 7 f-stop e una breve durata del flash. Le prestazioni del Profoto D1 sono paragonabili a quelle di numerosi generatori da studio. Inoltre, proprio perché è una monotorcia compatta, è anche leggera e completa.
Il D1 è uno strumento collaudato e affidabile che non ti deluderà.


 


Fotografo di personaggi famosi, John Russo ci svela i suoi segreti di illuminazione per ritratti con Profoto. Abbiamo quindi ripreso l’articolo scritto da Clare Gillsäter per Profoto (che trovate qui) Durante la sua carriera, John Russo ha continuato a migliorare il suo metodo di illuminazione in studio, con l’obbiettivo di entrare sempre di più in sintonia con i personaggi da lui ritratti. Clare Gillsäter racconta che “La combinazione di questi due elementi del suo lavoro è culminato nei meravigliosi ritratti alle celebrità. Per John, la migliore ricompensa “è sapere che le foto che scatto lasceranno un segno indelebile”. ” Buona lettura


Un classico senza tempo

La passione di John per la fotografia risale agli anni dell’infanzia, quando osservava suo padre mentre scattava foto a tutta la famiglia e capiva quanto amasse il suo lavoro. Mentre cresceva era sempre più affascinato dal mondo della fotografia e dai grandi fotografi che l’hanno rappresentata. Il lavoro di Herb Ritts, Bruce Weber e altri fotografi di ritratti aveva catturato il suo interesse e alimentato il suo desiderio di apprendere. Provando a emulare i ritratti di questi artisti, ha cercato di arrivare al loro livello.

E ci è riuscito. John ha creato il suo brand personale di ritratti che descrive come “pulito, classico e senza tempo”. Le sue immagini sono all’avanguardia e innovative. Inoltre, essendo una voce fuori dal coro, “incarna uno stile che resiste alla prova del tempo”.

Unicità

Tutti i ritratti di John sono unici nel loro genere. Mettere le persone a proprio agio davanti alla fotocamera permette di tirarne fuori il meglio e svelare il loro io più profondo. Nel tempo, John ha imparato a fornire le indicazioni essenziali ai suoi soggetti, guidandoli con la sua voce calda e melodica e comunicando con le mani e con gli occhi. Dedica tutto se stesso al momento dello scatto e alla persona che si trova di fronte a lui.

Prima di uno shooting, il team di John mette insieme una serie di scatti dei soggetti per vedere cosa è venuto bene, cosa no e come procedere con il moodboard. Cerca di mettere in luce la loro vita, i progetti e le passioni. Tra i talenti di John spicca anche la capacità di fornire indicazioni durante lo scatto, in modo che i soggetti siano preparati e si sentano attivamente coinvolti nel processo creativo.

La luce nei ritratti

La fase successiva di questo processo è decidere il pattern di illuminazione. Per ottenere diversi pattern di illuminazione e modellare la luce in vari modi per i suoi ritratti, John utilizza un’ampia gamma di modifier Profoto. Lo stile senza tempo e la mentalità moderna di John sono un connubio perfetto per Profoto, in quanto si concentra sulla qualità della luce e sull’innovazione. John utilizza Profoto fin dagli albori della sua carriera di fotografo e sottolinea che “non mi ha mai deluso”.

“Le variabili in gioco sono moltissime durante gli scatti”, spiega John. Quando deve decidere quale pattern di luce utilizzare, prende in considerazione la location e l’atmosfera, ma anche il sesso, l’età e le tonalità della pelle del suo soggetto. Potrebbe essere leggera e brillante per promuovere una commedia o più malinconica per un progetto teatrale o più cupo.

Uno degli obiettivi di John è far spiccare la personalità del soggetto in un ritratto e la sua scelta di pattern di luce fa parte di questo processo. Modellare la luce aiuta a dare forma alla storia della persona che si trova di fronte alla fotocamera, ossia tracciare e mettere in risalto il carattere del soggetto, ed è la chiave vincente degli affascinanti ritratti che l’hanno reso famoso.

 

 

Pattern di luce

John ha impostato lo shooting di Zach e Cara con un Profoto D2 e un Profoto Umbrella Deep Silver M, utilizzando un diffusore come luce principale. Come luce di riempimento ha utilizzato un altro D2 con un Profoto Softbox Octa 5’. Il successo di questa configurazione stava nel fatto che non era necessario cambiare la luce quando John regolava il pattern di illuminazione: si limitava a far spostare il soggetto.

John ha scelto una luce corta per il ritratto di Zach. La caratteristica luce corta, una tipologia di illuminazione cinematografica piuttosto famosa per l’effetto molto naturale dell’angolo di illuminazione, è caratterizzata dal fatto che il lato in ombra del volto è il più vicino alla fotocamera. Gran parte del viso è in ombra così il volto è più scolpito e aggiunge struttura. John l’ha scelta perché era un modo geniale per far risaltare i lineamenti di Zach.

Per gli shooting di Cara, una modella professionista, John ha scelto un’illuminazione ampia in cui il lato illuminato del volto è il più vicino alla fotocamera. Questo pattern di illuminazione mette in luce una parte più ampia del viso. In questo caso, John riteneva che mettesse in risalto i lineamenti marcati di Cara e la sua mandibola perfetta, oltre a enfatizzare i suoi meravigliosi occhi.

Ispirazione per gli altri

Uno dei lati più gratificanti del lavoro di John è ispirare gli altri, proprio come suo padre all’epoca ispirò lui. La passione di suo padre per il suo lavoro ha acceso la scintilla in John e oggi desidera trasmettere tutto questo ai fotografi emergenti.

Mentre ispira gli altri, John punta anche a migliorare costantemente le sue capacità. Il suo spirito creativo e comunicativo, unito alla semplicità di utilizzo e all’efficacia di Profoto, lo sfida a superare costantemente se stesso. Utilizzando la luce corretta, mostra i suoi soggetti nella loro luce migliore. Ogni ritratto che realizza racconta una storia e questa narrazione spinge chi ammira le sue opere a volerne sapere di più su ciò che si nasconde dietro lo scatto.

Copertine classiche

Luce corta

La luce corta si crea quando il lato del volto più lontano dalla fotocamera riceve la luce principale e il lato più vicino alla fotocamera riceve meno luce. Per questo ritratto di copertina dell’attrice Kate Beckinsale, John ha scelto un pattern di illuminazione corto perché lo riteneva più accattivante per la forma del suo viso.


Luce ampia

La luce ampia si crea quando il lato del volto rivolto verso la fotocamera è illuminato dalla maggior parte della luce. John ha quindi scelto un’illuminazione ampia per l’attore Ben Affleck così da accentuarne i lineamenti marcati.


Luce bipartita

Questo ritratto dell’attore e regista Tim Roth mostra un pattern di luce bipartita. John ha utilizzato una luce bipartita perché aveva in mente un concept con uno stile di luce più teatrale. Come indica anche il nome, questo pattern di luce divide il volto in due metà uguali, con un lato illuminato e l’altro in ombra. Viene utilizzato spesso per creare immagini teatrali, come il ritratto di un musicista o di un artista.


Luce di tipo loop

Il pattern di illuminazione di tipo loop, ossia ad ansa, illumina il soggetto a un’angolazione di circa 45 gradi davanti e sopra al soggetto. In questo modo si crea un’ansa un’ombra sul naso in un angolo fin sulla guancia del soggetto. È leggermente diretta perché la luce non è piatta ma gran parte del viso è comunque illuminata. Per questo ritratto di copertina di Bianca Balti per Harper’s Bazaar, John ha scelto un’illuminazione a loop aperto, semplicemente perché la riteneva adatta al bellissimo viso della modella.


Luce alla Rembrandt

L’illuminazione alla Rembrandt porta il nome del grande maestro perché la utilizzava spesso per i suoi autoritratti. L’obiettivo è creare un piccolo triangolo invertito di luce sulla guancia del soggetto, opposto alla fonte luminosa. Si tratta di un pattern di luce semplice ma di grande effetto. Per questo scatto di Matt Damon è stata utilizzata una luce Rembrandt. John adora questo pattern di illuminazione e il volto di Matt era perfetto per questa scelta.


Luce a farfalla

La luce a farfalla porta questo nome perché compare un’ombra a forma di farfalla sotto il naso quando la fonte luminosa principale viene posizionata sopra e direttamente dietro la fotocamera. Il fotografo scatta al di sotto della sorgente luminosa. Questo pattern di illuminazione viene utilizzato spesso per scatti di moda ma rappresenta un’ottima opzione anche per i soggetti più avanti con l’età che desiderano mimetizzare qualche ruga. Per questa copertina di moda di Harper’s Bazaar, John ha scelto un pattern di illuminazione a farfalla per ottenere l’effetto che l’editore di moda desiderava creare.


Prodotti utilizzati nella storia

disponibili su DgTales.com



Profoto | Vicky Papas Vergara ricrea un paesaggio magico con il B1X e l’OCF Beauty Dish. Vicky Papas Vergara, nota Fotografa Australiana, ha iniziato poco più di 6 anni fà il suo percorso fotografico, riconosciuta per la sua creatività nel ritratto. Ci racconta che nel ambito del ritratto fotografico è necessario “amare le persone e scorgere la bellezza in ogni essere umano” (Seth Chandler, Profoto Italia, Marzo, 2018)

Per questo motivo vi invitiamo a leggere la storia di Vicky alla prese con il Profoto B1X e l’OCF Beauty Dish, ripresa dal sito ufficiale della Profoto Italia

‘Durante un recente shooting con il Profoto B1X e l’OCF Beauty Dish, Vicky Papas Vergara, fotografa australiana di ritratti fine art, dimostra che è possibile creare un paesaggio magico persino in un setup ordinario come quello di un parcheggio in periferia (una sorta di Narnia suburbana): è sufficiente avere il pieno controllo della luce.

“Ogni volta che fotografo una donna cerco di catturare l’essenza della sua eleganza e un po’ della sua vulnerabilità e fragilità”, spiega. “Ma mi piace anche vedere la forza di una donna, in perfetto equilibrio con la delicatezza della sua femminilità”.

Significa plasmare la luce per scolpire delicatamente il suo volto, facendone risaltare la bellezza. “I ritratti femminili devono essere davvero accattivanti. Per gli uomini, ci si impegna affinché risultino virili e teatrali, cercando di far risaltare i lineamenti marcati. Gli uomini non si preoccupano molto di come appare la loro pelle. Devono sembrare dei duri”, conclude con una risata.

Vicky aggiunge che la maggior parte del suo lavoro è anche un modo per esprimere quanto siano speciali le donne. “Sono delle dee”, afferma. “Ed è come tali che dovrebbero essere trattate. Desidero che si sentano a loro agio sul set”.

Quando anche il migliore dei piani va a rotoli

Quel giorno, Vicky aveva pianificato lo shooting nei pressi della sua location preferita, ossia un fico con un bellissimo muro di mattoni sullo sfondo, ma le cose sono andate diversamente. Al suo arrivo, ha trovato degli operai che stavano installando un enorme capannone impedendo così ai collaboratori di accedervi per lo shooting.

“Stavo perdendo la calma e pensavo ‘oh no, e adesso cosa faccio?’”, ride.

Fortunatamente, Vicky aveva un piano B: un albero di riserva vicino al parcheggio di una scuola, accanto a una strada trafficata. Quindi, con il Profoto B1X e l’OCF Beauty Dish, è riuscita a trasformare uno dei setup più banali in una foresta incantata. “Che dire?”, afferma, facendo spallucce. “Non sempre le cose vanno per il verso giusto”.

Una luce coerente con il TTL e il B1X

Il primo scatto è stato eseguito a figura intera, in modo che Nicole, la modella di Vicky, si rilassasse e si sentisse più a suo agio per il primo piano che la attendeva. Nicole indossava un abito bianco e Vicky ha posizionato il Beauty Dish a circa due metri di distanza per tenerlo al di fuori dell’inquadratura. Quindi, ha acceso il suo B1X, utilizzando il TTL con il Profoto Air Remote TTL-N e la sua fotocamera Nikon. “Utilizzando il TTL con il B1X è possibile ottenere una luce coerente”, afferma. “Inoltre, il B1X è talmente affidabile che quando si caricano le immagini, non si modifica l’equilibrio dei colori. Non c’è da chiedersi perché il proprio scatto preferito sia inferiore di tre stop!”.

Vicky aggiunge che ama mantenere tutto il più possibile naturale e genuino, in modo da vedere come si evolvono. “Non mi piace pianificare ciò che faccio”, spiega. “Vado e penso… ‘mi piace questo e questo’”. Quindi, mi adatto un po’ o scelgo altri abiti per la modella, sposto un po’ il tessuto o chiedo a lei di dargli un po’ di movimento. E, all’improvviso, ecco che tutto diventa perfetto. Si può passare alla fase successiva. Tutto evolve”.

“Gli occhi più magnetici mai visti”

Vicky afferma che lo scatto successivo, un primo piano, era essenzialmente un’immagine di bellezza, con l’OCF Beauty Dish bianco posto a un’angolazione dall’alto, a circa un metro da Nicole. In questo scatto, Vicky spiega che desiderava catturare la bellezza naturale e la giovinezza di Nicole, oltre ai suoi incredibili occhi. “Questa ragazza ha gli occhi più magnetici che io abbia mai visto”, afferma Vicky. “Desideravo solo concentrarmi e catturare la sua bellezza”.

Inoltre, ha eseguito gli scatti in TTL, mentre suo marito (nonché assistente del giorno) manteneva l’OCF Beauty Dish a circa un metro di distanza. “La miglior cosa del Beauty Dish è la luce morbida e accattivante”, afferma. “Il modo in cui l’ho utilizzato consente di ottenere una luce morbida, con una bellissima caduta. Rende splendida la sua pelle e dona un leggero contrasto con i suoi occhi”.

Il Beauty Dish era posizionato al di sopra di Nicole, puntava verso il basso a un angolo di circa 45° per creare il caratteristico riflesso della luce per cui sono noti i Beauty Dish. “Il volto è come un paesaggio”, spiega. “Si mettono in risalto gli zigomi e la mascella, in base al punto in cui si posiziona la luce, per farli risaltare”.

“Tuttavia, se si posiziona la luce troppo in alto, si perde il suo riflesso negli occhi. Quindi è necessario posizionarli appena al di sopra della pupilla verso un lato e appena al di sotto della linea delle ciglia per ottenere degli zigomi scolpiti e piacevoli con un po’ di ombra sotto il mento, separandolo così dal collo”.

“La pelle deve sembrare perfetta”

Nello scatto successivo, Nicole indossava un abito rosso creato da Vicky stessa in parte da tessuto e in parte da materiali trovati nei mercatini dell’usato, aggiungendo oggetti strambi e altri pezzi offerti dalla natura.

“La cosa principale di un’immagine di bellezza è ottenere una pelle perfetta e il riflesso nel punto giusto”, spiega. “Quando si fotografa una donna, la pelle deve sembrare perfetta. Più si avvicina la luce alla pelle, più morbida risulterà quest’ultima”.

Sebbene il Profoto B1X riflettesse il viso con la luce, l’obiettivo era ottenere una definizione sotto il mento. “Sotto il mento serve un po’ di morbida ombra”, spiega Vicky. “Anche gli zigomi devono essere leggermente ombreggiati, in base al punto in cui si posiziona la luce”.

Nessun manuale di istruzioni, nessuno stratagemma

Vicky, che non legge manuali né si serve di stratagemmi particolari e afferma che il fatto di passare facilmente dal TTL alla modalità manuale è un esempio di quanto l’attrezzatura del Profoto supporti la creatività. “Un’attrezzatura così intuitiva offre molta libertà di manovra”, spiega. “Posso creare immagini perfette e ottenere ciò che desidero. Perché i problemi tecnici tarpano le ali della creatività. Ci si distrae e l’idea svanisce.

“Con l’abito rosso ricco di dettagli scintillanti, desideravo dare un tocco di intensità in più all’immagine, in modo che risultasse romantica e regale”, afferma. “Utilizzando il TTL e perfezionando le mie impostazioni, sono riuscita a ottenere la sensazione perfetta: potevo mettere in primo piano l’albero e l’abito proprio come l’avevo immaginato”.

Controllo totale per creare qualcosa di magico

Vicky aggiunge che sebbene in Australia vi siano molti fotografi che ricorrono alla luce naturale, consiglia di provare un’illuminazione da studio perché offre molta più libertà per creare e scattare in qualsiasi momento del giorno.

“Non sono un’esperta di luce, sono per lo più creativa e, in genere, avevo qualche riserva sull’utilizzo di luci da studio. Ma ora le cose sono cambiate per me”, ricorda. “Quando scattavo con luce naturale ero molto limitata dall’ora del giorno, dalle condizioni meteorologiche… tantissime variabili”.

“A volte la luce naturale è un po’ troppo rigida. Non sono un’appassionata di tecnologia ma l’utilizzo combinato dell’OCF Beauty Dish e del B1X consente di assumere il pieno controllo di ciò che si sta facendo. Ed è la miglior cosa, perché si otterranno sicuramente i risultati auspicati”.

Persino in prossimità di un parcheggio.

“Non è necessario recarsi in luoghi fantastici per creare qualcosa di magico. È sufficiente riempire l’inquadratura con la bellezza. Tutto ciò che resta al di fuori è un’altra storia La allontani del tutto. Qualunque fotografo può trovare da solo uno spot piccolo ed efficace in città e sfruttarlo al massimo”.’

Se desiderate leggere tutta la storia potete direttamente accedere al sito ufficiale della Profoto Italia qui(Seth Chandler, Profoto Italia, Marzo, 2018)


Adesso su DgTales.com troverete una promo dedicata al OCF Beauty Dish White 2′ con OCF Speedring, per saperne di più potete accedere direttamente qui.

Profoto OCF Beauty Dish | Il fascino di una luce morbida e ben definita.
Fotografa spagnola, Mara Saiz, é stata invitata dalla Profoto per esporre il suo modo di fotografare con l’OCF Beauty Dish White.
Quando fù lanciato il Profoto Softlight Reflector nel 1980, fin da subito venne rinominato come “Beauty Dish” da tanti Fotografi di Moda proprio per la sua capacità di far risaltare la bellezza unica della modella.
L’OCF Beauty Dish è una versione portatile e pieghevole del classico Softlight Reflector di Profoto. La versione bianca garantisce una luce più morbida e leggermente più uniforme rispetto alla versione argento. Da allora é diventato uno strumento iconico di molti fotografi per ottenere una luce morbida e allo stesso tempo ben definita, spesso denominata come “beauty light” luce della bellezza.
Adesso su DgTales.com troverete una promo dedicata al OCF Beauty Dish White 2′ con OCF Speedring, per saperne di più potete accedere direttamente qui.

La FUJIFILM GFX-50S garantisce la migliore qualità d’immagine al mondo. Combina la risoluzione straordinaria di 51,4 megapixel con tonalità eccezionali, riproduzione avanzata del colore e obiettivi ad alte prestazioni. Questo livello di qualità dell’immagine è motivazione pura. Il mondo che ci circonda cambia nel momento in cui prendiamo in mano questa fotocamera. Apprezzerete tutto quello che si può fare con il nuovo sistema di fotocamera mirrorless formato medio, GFX.

Qui sotto troverete 7 buoni per scegliere la GFX-50s

1. Sensore Medio formato digitale

La Fujifilm GFX 50S è equipaggiata con un sensore medio formato CMOS da 51,4Mpx di dimensioni 43,8mmx32,9mm, ossia con una superficie di 1,7x rispetto ad un sensore Full Frame e di ben 3,9x rispetto al formato APS-C della serie X della Fujifilm. Dimensioni più grande del sensore permette di ottenere profondità di campo più ristrette e migliore nitidezza e qualità di immagine a parità di risoluzione.

Qui in basso è possibile vedere la differenza (a parità d’ingrandimento) tra la GFX-50S e la Canon EOS 5DS,

(sinistra) GFX-50S vs Canon EOS 5DS (destra)

2. Fino a 425 punti di messa a fuoco

La Fujifilm GFX-50s riesce ad unire in un unico corpo macchina i vantaggi di una medio formato digitale con alcune caratteristiche a cui molti fotografi sono abituati nei loro corpi di piccolo formato. Normalmente, i corpi a medio formato hanno la possibilità di avere solo il punto di messa a fuoco centrale. La Fujifilm GFX-50s ha la possibilità di scegliere tra una griglia di 13×9 (117) punti di messa a fuoco o una più selettiva di 25×17 (425) punti. Inoltre con una delle due ghiere di regolazione è possibile anche settare la grandezza dell’area di messa a fuoco, oltra alla posizione.

Questa modalità risulterà particolarmente comoda in diverse applicazioni fotografiche. Oltre alla modalità AF a punto singolo esistono (per i fotografi più esigenti) altre 5 modalità.

AF-S + Single Point  Per riprendere soggetti utilizzando uno specifico punto AF
AF-S + Zone Per riprendere soggetti in una vasta area AF (3×3, 5×5, 7×7)
AF-S + Wide Per riprendere soggetto in tutta l’inquadratura
AF-C + Single Point Per la messa a fuoco “spot-focusing” continua
AF-C + Zone Per il controllo di un soggetto all’interno di una zona selezionata
AF-C + Tracking Per il controllo continuo di un soggetto in tutta l’inquadratura

 

3. Corpo macchina resistente

Il corpo macchina della Fujifilm GFX-50s è resistente alla polvere, acqua ed a basse temperature fino a -10c. Questa caratteristica è valida anche per le ottiche Fujinon GF. La Fujifilm GFX-50s risulta quindi la scelta perfetta per chi si trova a scattare in situazioni proibitive ma non vuole rinunciare ai vantaggi del medio formato. Per dimostrarvi la resistenza del corpo macchina a temperature minime, X-photographer Simone Raso ha raggiunto il Circolo Polare Artico con la GFX-50s (leggi tutto l’articolo qui)

 

 

 

4. Accessori che migliorano l’esperienza d’uso

Il corpo macchina della Fujifilm GFX-50s è dotato di un piccolo monitor da 1,28″ in bianco e nero vicino all’impugnatura che permette di avere sott’occhio un buon numero di informazioni (settaggi di scatto, file rimanenti, stato batteria e altro) in qualsiasi condizione di luce (anche in pieno sole). Tra gli accessori disponibili, di rilievo segnaliamo il “Vertical Battery Grip” che permette di aumentare il peso, migliorare la presa in lunghe sessioni di scatti in verticale e garantisce un’autonomia maggiore a tutto il sistema. Inoltre, grazie al mirino aggiuntivo inclinabile è anche possibile aumentare le possibilità di osservazione.

 

5. Compatibilità con Ottiche Hasselblad

L’anello adattatore Fujifilm “H Mount Adapter G”  permette a molti fotografi di studio e still life di effettuare una migrazione da un vecchio corpo macchina Hasselblad ad una nuova Fujifilm GFX-50s preservando la bontà del proprio corredo di ottiche.

 

 

 

 

 

 

6. Compatibilità con Profoto

Grazie all’introduzione del nuovo Air-Remote TTL-F è ora possibile sfruttare tutte le potenzialità del controllo dell’esposizione automatica tramite TTL anche in un corpo digitale a medio formato. Inoltre, grazie a questo trasmettitore è anche possibile sincronizzare qualunque a tempi ultrarapidi tramite HSS, tutte le sorgenti di nuova generazione di Profoto, come il Profoto A1, i Profoto B1/B2 o B1X, il Profoto D2 Air-TTL oB1x od il Profoto Pro-10 Air-TTL

 

Risultati immagini per ttl fRisultati immagini per profoto a1

 

7. Accessibile per tutti

Fino al 30 Aprile 2018, chi acquista una Fujifilm GFX 50s presso DgTales, in qualità di GFX Authorised Specialist, permutando un prodotto full frame o medio formato tra quelli ritenuti idonei per la promozione, avrà diritto ad uno sconto di 500€. Questa offerta è inoltre valida in abbinamento con la Promozione GFX Instant Rebate (clicca qui per maggiori informazioni) con la quale è possibile avere una Fujifilm GFX 50s con un’ottica tra quelle selezionate con 1300€ di sconto.

Sommando le due offerte è quindi possibile prendere una nuova Fujifilm GFX-50s con 1800€ di sconto in fase di acquisto.


Profoto OCF Beauty Dish | Da quando Alba Soler ha iniziato il suo percorso fotografico, ha iniziato a sperimentare diversi tipi di attrezzatura light shaping. Mirando, e ottenendo una luce frizzantina catturando subito l’attenzione dell’occhio. Di già un utente della classica Profoto Soflight Reflector, Alba Soler si mette alla prova con il nuovo OCF Beauty Dish.

Profoto B1X e B2 (To go o Location Kit) | a partire dal 1° Febbraio acquistando su DgTales.com un Profoto B1X To go o Location Kit riceverai in omaggio 1 x Profoto OCF Beauty Dish White 2’ + 1 x Profoto OCF Speedring. L’offerta è valida anche sull’acquista di un Profoto B2 To go o Location Kit, disponibile su DgTales.com. 

L’offerta è valida dal 1° FEBBRAIO 2018 AL 30 APRILE 2018 – promozione su dgtales.com

Esperta nel fotografare ritratti di bambini on-location, Alba cerca la flessibilità nello spostarsi e gestirsi la luce in modo semplice. Nonostante la preparazione pre-servizio fotografico, l’improvvisazione fa parte del suo lavoro.

“I bambini si muovono, e tanto anche!” dice Alba, “Non ha senso preparasi il set up delle luce e non essere in grado di spostarsi velocemente a passo con l’inspirazione, i bamini, e il flow del lavoro”.

Per intravedere il posizionamento di luci per ogni immagine potete accedere direttamente qui sul blog della fotografa spagnola, dove dimostra la flessibilità nell’uso del Profoto B2 insieme al OCF Beauty Dish.

Usando il Profoto B2 Off-Camera Flash  insieme al Profoto OCF Beauty Dish White, la fotografa può tranquillamente spostare la modella indipendentemente dalla luce ambiente, illuminando correttamente il viso. Posizionando il flash un pò sul lato, sopra la modella, crea un effetto luminoso.

“Il nuovo OCF Beauty Dish ha la stessa qualità di luce come il classico Softlight Reflector. L’unica differenza da evidenziare, è la praticità nel uso on-location. E’ facile da trasportare una volta piegato, e spostare una volta assemblato. Un fattore altamente improtante per me, che cambio luogo e ambienti durante i miei servizi fotografici”

“il mio obbiettivo principale è quello di raccontare storie senza tempo, dove riesci a trasmettere la magia, ma allo stesso tempo a relazionarti con il soggetto. L’estetica è quasi cremosa ma allo stesso tempo frizzante, da favola e allo stesso tempo molto reale.”

L’immagine deve trasmettere una storia a cui credere, spiega Alba, e quindi la luce deve essere credibile. Questo non vuol dire che luce deve essere delicata. La luce può avere una forte presenza della foto, a patto che sia giustificata. Questa, una delle ragione per cui Alba Soler preferisce il Profoto OCF Beauty Dish.

Con la primavera si respira amore nell’aria e fiorisce la stagione dei matrimoni. Cogli la nostra speciale offerta per la primavera e fai fiorire anche la tua attività di fotografo in questa stagione. Pronto per innamorarti perdutamente di qualche nuova attrezzatura? Acquista un kit B1X o B2 entro il 30 aprile e ottieni gratis un OCF Beauty Dish White 2′ con un OCF Speedring (valore: €255).

Leggi tutto l’articolo qui  https://profoto.com/it/profoto-stories/alba-soler-catches-timeless-portraits-with-the-ocf-beauty-dish

 

 

Scritto da: Jens-Linus Lundgren-Widén

 

 

 


Profoto B1X | Il lavoro di Jesper Grønnemark è caratterizzato da potenza e velocità, veicolate tramite i soggetti che ritrae, la scelta della location e gli esclusivi angoli che scova. In qualità di fotografo di sport e azione, Jesper non teme di allontanarsi dalla sua “comfort zone”. In questo recente scatto, Jesper ha portato la potenza del B1X oltre nuove vette. Continua a leggere →


Profoto B1X e B2 (To go o Location Kit) | a partire dal 1° Febbraio acquistando su DgTales.com un Profoto B1X To go o Location Kit riceverai in omaggio 1 x Profoto OCF Beauty Dish White 2’ + 1 x Profoto OCF Speedring. L’offerta è valida anche sull’acquista di un Profoto B2 To go o Location Kit, disponibile su DgTales.com. 

L’offerta è valida dal 1° FEBBRAIO 2018 AL 06 MAGGIO 2018.



DgTales Profoto B1X –

Air TTL To Go

Profoto B1X –

Air TTL Location Kit

Profoto B2 –

Air TTL To Go

Profoto B2 –

Air TTL Location Kit

Profoto
+(in omaggio) OCF Beauty Dish White 2’ OCF Beauty Dish White 2’ OCF Beauty Dish White 2’ OCF Beauty Dish White 2’
+(in omaggio) OCF Speedring OCF Speedring OCF Speedring  OCF Speedring

 



PROFOTO B1X | disponibile su DgTales.com

 

 

 

Acquistando il Profoto B1X Air TTL To Go 

Ricevi un omaggio Profoto OCF Beauty Dish White 2’ + Profoto OCF Speedring

 

 


 

 

 

Acquistando il Profoto B1X Air TTL Location Kit

Ricevi un omaggio Profoto OCF Beauty Dish White 2’ + Profoto OCF Speedring

 

 

 



PROFOTO B2 AIR TTL | disponibile su DgTales.com

 

 

Acquistando il Profoto B2 Air TTL To Go

Ricevi un omaggio Profoto OCF Beauty Dish White 2’ + Profoto OCF Speedring

 

 

 

 


 

Acquistando il Profoto B2 Air TTL Location Kit

Ricevi un omaggio Profoto OCF Beauty Dish White 2’ + Profoto OCF Speedring

 

 

 

 

 


 


PROFOTO A1 | aggiornamento firmware per l’A1, la studio light della Profoto.

Questo firmware sostituisce la versione A17, aggiungendo funzioni migliori e risolvendo vari bug. Qui sotto troverete i dettagli dell’aggiornamento. Il nuovo firmware è stato già pubblicato su My Profoto. Per scaricare il nuovo aggiornamento Firmware per l’A1,  potete direttamente accedere all’area log-in sul vostro MyProfoto.

Aggiornamento Firmware Versione B2 per Profoto A1?

Versione Canon:

  • Nuova funzione: Accensione Auto HSS mode
  • Nuova funzione: Blocco Tasti.
  • Nuova funzione: Flicker-free mode per model light
  • Nuova funzione: Uso del Model light indipendentemente dal flash on/off
  • Risoluzione bug con Flash mancante dopo aver cambiato ISO/Drive/Metering Mode on-camera. Risoluzione bug per mancata corrispondenza relativa al Canon binario di trasmettitore. con Canon Fixed bug with misfires related to Canon hot shoe
  • Soluzione bug dove il TTL-HSS mancava il primo Sync dopo la modalità Sleep. would miss first sync after camera sleep
  • Soluzione bug dove il AF Auto asswith auto AF assist with center top and bottom focus points on 5D mk.II, 6D and 1300D
  • Soluzione bug con Canon 6D mk. II usato on- camera
  • Cambio Funzione tasto “Model’: tenendo premuto luce ON/OFF, e invece tenendo premuto a lungo testa del flash ON/OFF
  • Cambio Funzione tasto “Select”: premuta a lungo del tasto select attivazione del blocco tasti, per disattivare premere qualsiasi tasto e premendo sulla ghiera.
  • Risoluzioni Bug generali.

Versione Nikon:

  • Nuova funzione: Blocco Tasti
  • Nuova funzione: Flicker-free mode per model light
  • Nuova funzione:Uso del Model light indipendentemente dal flash on/off
  • Risoluzione bug dove l’utente non riusciva a selezionare X-sync.
  • Cambio Funzione tasto “Model’: tenendo premuto luce ON/OFF, e invece tenendo premuto a lungo testa del flash ON/OFF
  • Cambio Funzione tasto “Select”: premuta a lungo del tasto select attivazione del blocco tasti, per disattivare premere qualsiasi tasto e premendo sulla ghiera.
  • Risoluzioni Bug generali.

 

Per visualizzare tutti i prodotti Profoto disponibile su DgTales.com potete accedere direttamente qui